Integratori di Zinco: a cosa servono, proprietà e benefici

A cosa servono gli interratori a base di zinco? La funzione principali degli integratori alimentari a base di zinco è senz’altro quella di ristabilire i normali valori del sale minerale all’interno dell’organismo.



Lo zinco rappresenta un minerale importante per la regolazione degli ormoni dell’organismo e dell’insulina. Il numero dello zinco come elemento chimico è il 30, mentre il simbolo “Zn”, contenuto all’interno di minerali solidi quali blenda, smithsonite, calamina, sfalerite e franklinite.

Gli ormoni su cui interviene lo zinco sono: ormoni della crescita, ormoni sessuali, insulina, mentre le percentuali variabili all’interno dell’organismo, da 1,4 a 2,5 grammi, si trovano nei globuli rossi, bianchi e nei muscoli.

Come ormone lo zinco è importante anche dal punto di vista del peso corporeo, per il corretto funzionamento della vista, dell’olfatto, del tatto, della memoria, per la produzione dello sperma maschile. Una carenza di zinco può alterare i normali processi sensoriali e intellettivi.

Il fabbisogno giornaliero di zinco varia in base all’età e al sesso, indicativamente 10 milligrammi giornalieri per gli uomini e 8 milligrammi giornalieri per donne e bambini. In presenza di una carenza di zinco si potranno assumere integratori e una dieta alimentare corretta, modificando il proprio stile di vita.

 

ZINCO E ALIMENTAZIONE

In natura è possibile integrare lo zinco attraverso i prodotti alimentari che ne risultano ricchi, come:

  • Semi di grano tostati
  • Ostriche
  • Sesamo e prodotti a base di sesamo
  • Fegato di vitello
  • Carne di manzo
  • Cacao in polvere
  • Cioccolato fondente
  • Semi di anguria secchi
  • Arachidi tostate
  • Carne di agnello
  • Zucca e semi di zucca

Gli integratori a base di zinco sono disponibili in commercio anche sotto forma  di prodotti naturali contenenti camomilla, ortica, cannella, cardo mariano, ecc. Gli integratori andranno ad agire direttamente su:



  • DNA e RNA
  • Vitamine
  • Enzimi
  • Ormoni
  • Ferite (per facilitare la cicatrizzazione)
  • Organi sessuali (per lo sviluppo e la maturazione degli stessi)
  • Metabolismo
  • Sistema immunitario
  • Diabete
  • Vista e occhi
  • Colesterolo
  • Sensi

 

INTEGRATORI A BASE DI ZINCO: PROPRIETA’ E BENEFICI

Gli integratori a base di zinco si legano spesso ad altre sostanze: Zinco solfato, Zinco ossido, Zinco gluconato e Zinco acetato. L’introduzione degli integratori dovrà essere assunta sotto la prescrizione del proprio medico curante, dietro un’attenta valutazione di un’effettiva carenza del minerale. Generalmente i soggetti più indicati risultano:

  • Soggetti che presentano carenze alimentari e squilibri nutrizionali (poveri o privi di alimenti di origine animale, come nel caso dei regimi alimentari vegani e vegetariani).
  • Soggetti affetti da patologie (patologie autoimmuni e alcune forme tumorali).
  • Soggetti anziani e bambini affetti da carenze di zinco.
  • Soggetti sotto terapie farmacologiche protratte nel tempo.
  • Soggetti affetti da aumento di peso in relazione ad una carenza di zinco.

Le carenze del minerale zinco all’interno dell’organismo possono portare a diversi disturbi tra cui stanchezza, ritardi della crescita, deficit di apprendimento, deficit di memoria, scarsa cicatrizzazione delle ferite, disturbi dell’umore, abbassamento delle difese immunitarie, raffreddori frequenti.

 

INTEGRATORI A BASE DI ZINCO: EFFETTI COLLATERALI

Tra gli effetti collaterali legati all’assunzione degli integratori a base di zinco si trovano: crampi muscolari, nausea, apatia, vomito, dissenteria, mal assorbimento del ferro, disturbi gastrointestinali, dolore al torace, mal assorbimento del calcio, ritenzione idrica.