Vai al contenuto

Aronia Nera Melanocarpa: Proprietà, Benefici e Controindicazioni del Frutto

    Aronia Nera Melanocarpa

    L’aronia nera, altresì chiamata melanocarpa non è altro che un frutto del tutto similare ai classici mirtilli, con la tipica colorazione violacea, tra il blu e il rosso ed un sapore aspro. Come molti altri frutti simili, proprio la colorazione ne evidenzia proprietà e nutrienti fondamentali per la salute del nostro organismo: soprattutto dal punto di vista degli anti-ossidanti presenti che contrastano l’invecchiamento di tutti i tessuti del nostro corpo e svolgono quindi un’azione antitumorale preventiva di alcune particolari dinamiche cancerogene.

    La pianta che produce questi frutti origina dal Nord America, ma si è diffusa anche in tutta Europa e in special modo in Russia e nei paesi dell’Est dove è molto conosciuta, utilizzata e fa parte della cultura locale, una tradizione legata all’erboristica e all’utilizzo delle piante proprio in ragione dei loro nutrienti intrinsechi.

    L’aronia, pur non essendo molto conosciuta in Italia, né utilizzatissima a livello popolare, è una pianta con frutti davvero prodigiosi, tanto da essere inserita dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (acronimo USDA – United States Department of Agriculture) nella classifica delle sostanze antiossidanti maggiormente efficaci tra quelle presenti in natura.

     

    Proprietà

    L’aronia è un frutto incredibile con numerose proprietà derivanti dai nutrienti al suo interno. Vediamo quali sono le maggiori concentrazioni di sostanze e quali gli effetti che avremo nutrendoci di questa meraviglia della natura:

    • Vitamina C (Acido Ascorbico).
    • Vitamina E (Tocoferolo).
    • Vitamine Gruppo B.
    • Vitamina K (Naftochinone).
    • Polifenoli (Questi elementi sono presenti in particolar modo nell’aronia melanocarpa, in maniera superiore rispetto alle altre bacche o ai frutti rossi).
    • Carotenoidi.
    • Sali Minerali.
    • Fibre.

    Come abbiamo detto, tutti questi elementi svolgono una funzione antiossidante aiutando il nostro organismo di contrasto contro l’invecchiamento dei tessuti. Oltre a questo effetto principale, si tratta di nutrienti vitaminici e particolari elementi che aiutano a mantenere in buona salute il nostro organismo, potenziando anche il sistema immunitario che deve lottare ogni giorno contro gli agenti patogeni quali microbi e batteri.

    I carotenoidi, in particolar modo, sono pigmenti colorati antiossidanti utili nella prevenzione del cancro, oltre a coadiuvare la salute di occhi e vista. I carotenoidi, infatti, combattono i radicali liberi che causano invecchiamento e degenerazione delle cellule.

    La vitamina E è molto utile nel coadiuvare la circolazione del sangue e il sistema cardio-circolatorio, oltre alla funzione anti-age di cui abbiamo parlato. La vitamina C, come ben sappiamo, ha tantissime proprietà riconosciute tra cui quelle di aiutare il sistema immunitario e svolgere la stessa funzione protettiva per le cellule contro l’invecchiamento.

    Se abbiamo qualche sintomo influenzale, ad esempio il raffreddore, possiamo prepararci una tisana utilizzando queste bacche di aronia nera: sicuramente avremo dei benefici incredibili proprio in ragione dell’alta concentrazione di vitamine che danno un impulso positivo e una carica ulteriore al nostro sistema immunitario. Il tutto in modo naturale.

    La presenza delle fibre, oltre i sali minerali e le vitamine del Gruppo B, aiuta l’intestino nel corretto espletamento delle sue funzioni, compresa la peristalsi intestinale. Se soffriamo di problematiche gastrointestinali o se vogliamo depurare il nostro colon combattendo stitichezza, costipazione e finanche le fastidiose e debilitanti emorroidi, l’aronia fa assolutamente al caso nostro. Si tratta, infatti, di un lassativo naturale estremamente efficace.

    Come abbiamo anticipato, se mangiamo le bacche di aronia, i frutti della pianta, avremo dei vantaggi anche sul sistema cardio-circolatorio: questo soprattutto a causa della presenza della vitamina K che aiuta la circolazione sanguigna e contrasta l’ipercolesterolemia consentendo al nostro organismo di diminuire la concentrazione di colesterolo, elemento ostruttivo se soggetto a ossidazione.

     

    Come si Mangia

    Pur avendo tutte queste proprietà, l’aronia non ha un sapore molto dolce, anzi, si presenta molto aspro. Poche persone le consumano così senza alcuna ricetta dopo averle raccolte.

    Molto spesso, invece, proprio per utilizzarne le proprietà e renderli piacevoli al gusto delle persone, si utilizzano per preparare marmellate, frullati o succhi di frutta da soli o insieme ad altri frutti e ingredienti. Gli zuccheri utilizzati, specialmente se non si tratta di saccarosio raffinato, addolciscono e compensano il sapore aspro non cagionando danni agli elementi nutritivi, fermo restando il fatto che alcune sostanze termolabili si disgregano durante la cottura tipica della marmellata.

    L’aronia può essere utilizzata anche in forma di tisane, d’infuso o thè caldo magari insieme ad altre erbe o ingredienti e addolcendo la bevanda con un po’ di miele: un rimedio molto utile in questa stagione invernale con l’influenza che grava sulle persone come una spada di Damocle.

    Se vogliamo approfittare di tutte le proprietà intrinseche alle bacche, senza il rischio di avere dei rischi inerenti eventuali elementi aggiunti, additivi o sostanze chimiche utilizzate per la coltivazione, preferiamo acquistare direttamente una piantina di aronia così da essere sicuri di avere bacche monitorare e sicure. al 100%.

    Una volta cresciuta la pianta e curata con amore, ne prenderemo le bacche e potremo fare marmellate in casa: tutto ovviamente bio.

    Se, invece, non riusciamo a reperire una pianta o non abbiamo il pollice verde, scegliamo di acquistare bacche essiccate di aronia biologiche nelle farmacie, nelle erboristerie e finanche nei supermercati magari insieme ad altri ingredienti utili per la nostra salute.

     

    Controindicazioni

    Secondo i ricercatori scientifici le bacche di aronia nera non avrebbero controindicazioni conclamate, sottolineando ancor di più la bontà di questo frutto corroborante.

    L’unica cosa su cui occorre stare attenti riguarda la presenza della Vitamina K: se utilizziamo queste bacche e assumiamo farmaci anticoagulanti (per esempio perché abbiamo problemi cardio-vascolari), potremmo rischiare problematiche relative alla coagulazione del sangue. Se siamo in cura con questi farmaci, chiediamo consiglio al medico curante o allo specialista prima d’inserire nel nostro regime alimentare questo alimento.

    Oltre a questo, focalizziamo attentamente la zona di provenienza dell’aronia, in modo di accertarci che provenga da paesi affidabili in cui esiste una regolamentazione seria circa l’utilizzo di pesticidi e coloranti. Il frutto potrebbe non avere alcuna controindicazione, ma l’intervento sbagliato di agricoltori e coltivatori, nonché manipolatori del frutto, potrebbe aver compromesso o addirittura cagionato potenziali pericoli all’alimento. Consiglio e avviso valido per ogni frutta e verdura, nonché qualsiasi prodotto della terra.