Trattamenti viso con derivati di probiotici per una pelle dal’aspetto sano e protetto

Trattamenti viso con derivati di probiotici per una pelle dal’aspetto sano e protetto

Quali risultano odiernamente i trattamenti a base di derivati probiotici maggiormente efficaci per l’ottenimento di una pelle del viso dall’aspetto sano e allo stesso tempo protetto?



Il viso risulta una delle parti più esposte del corpo, nonché soggetta all’azione dei cosmetici e del make up a formulazione chimica e aggressiva per la texture, dai segni del tempo e dalle condizioni climatiche.

I probiotici allo stesso tempo vengono rapportati soprattutto agli effetti benefici per l’organismo interno, sottovalutando nella maggior parte dei casi l’azione sulla pelle. I probiotici consistono in un insieme di microrganismi detti “buoni”, batteri normalmente presenti sulla pelle senza danneggiarla.

Tali batteri convivono naturalmente con l’organismo umano senza effetti collaterali comprendendo circa 500 specie diverse di batteri presenti sulla pelle contribuendo all’incremento delle difese immunitarie.

I trattamenti cosmetici a base di probiotici per la pelle risultano una delle ultime innovazioni in campo dermatologico, conservando diverse proprietà benefiche ai fini di un aspetto sano e di una protezione della cute.

Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di analizzare nello specifico tutte le proprietà dei cosmetici finalizzati alla cura del viso e del resto del corpo a base di probiotici, soffermandoci in particolar modo sui consigli degli esperti.

Probiotici: tutto quello che occorre sapere sulla scelta dei cosmetici per la pelle maggiormente efficaci

Dal 2017 i trattamenti per la cura della pelle a base di probiotici si sono dimostrati particolarmente efficaci assicurando alla cute la protezione necessaria e allo stesso tempo un aspetto sano e luminoso.



Contrariamente all’opinione comune i batteri soliti vivere sulla cute non svolgono un’azione unanime pericolosa, molti di essi risultano a tutti gli effetti dei veri e propri promotori della salute, incrementando diversi effetti benefici.

Le aziende leader in campo cosmetico hanno così unito la formulazione dei propri ingredienti a quella sancita dai probiotici, arrivando a creare prodotti incentrati sulla flora cutanea, lo strato esteriore dell’epidermide.

La flora batterica in questo caso assume il ruolo protagonista in favore della bellezza della pelle sia del viso, sia del resto del corpo. Tra gli ingredienti di questi cosmetici si trovano il  bifidus, derivato dai probiotici, particolarmente importante per contrastare la secchezza cutanea, promuovendo un’azione di barriera a difesa e protezione, riducendo la sensibilità e il rischio di irritazioni e arrossamenti.

Assecondando la naturale composizione della pelle, come evidenziato da diversi esperti in campo cosmetico, si potrà rinunciare alle formulazioni chimiche ed aggressive in favore dei probiotici, ottenendo risultati migliori senza alcuna controindicazione anche in presenza di pelli sensibili.

Diversi tipi di batteri presenti sulla pelle producono a tutti gli effetti una serie di acidi idratanti del tutto sfruttabili nelle diverse formulazioni dei prodotti a base di probiotici, promuovendo un’azione anti-invecchiamento.

I probiotici trovano spazio all’interno di sieri, creme, detergenti, diversamente dalla loro presenza rapportata quasi unicamente all’assunzione di yogurt, kefir, miso, tempeh, formaggi fermentati, integratori alimentari.

Sotto una semplice applicazione locale in direzione dello strato superficiale della pelle si andrà ad influenzare l’equilibrio della microflora della pelle, apportando una migliore idratazione e protezione, conservando un’azione anti-age tipica dei trattamenti tradizionali maggiormente reclamizzati sul mercato.