Vai al contenuto

Roveja: Proprietà e Controindicazioni del Legume, Pianta simile ai Piselli

Roveja

Quando parliamo di legumi non possiamo assolutamente non citare la Roveja, che per chi non lo sapesse ha origini davvero antichissime, infatti se la si può portare a tavola (e i motivi per apprezzarla abbondano) bisogna ringraziare alcuni agricoltori di Civita di Cascia, i quali sono stati in grado non solo di recuperarla ma anche di coltivarla. Ma quali sono le sue caratteristiche? E le sue proprietà?

Pianta Simile ai Piselli

A primo colpo d’occhio la Roveja assomiglia in un certo qual modo al classico pisello, anche non possiede nessun nome scientifico e non possieda nemmeno nessuna classificazione botanica, è comunque conosciuta anche come Pisum Arvense oppure come Pisum sativum.

Esattamente come i piselli che coltiviamo anche la Roveja è di colore verde, o per essere più precisi il baccello si presenta così solo nella fase iniziale in quanto durante la maturazione il colore diventa decisamente più scuro, per intenderci un bruno che tende molto verso il viola.

Principalmente si tratta di un legume rustico, che ha il pregio di adattarsi a qualsiasi temperatura (sia essa calda oppure estremamente fredda), riesce addirittura a svilupparsi in terreni molti astrusi e prevalentemente aridi, solitamente viene piantata a Marzo e raccolta verso Luglio e Agosto, o più precisamente a cavallo tra i due mesi.

Crescendo la pianta può raggiungere un’altezza di una certa importanza, circa 1 metro, che inevitabilmente comporta il suo accasciamento al suolo in quanto non riesce a reggere il peso dei baccelli, purtroppo questo è uno svantaggio perché non è possibile attuare la mietitura meccanica.

 

Proprietà

livello proteico la Roveja sicuramente è un legume può offrire all’organismo il fabbisogno di cui a bisogno, in quanto questo è davvero molto alto inoltre, soprattutto se essiccata, è anche molto ricca di Fibre, Sali Minerali, Vitamina B1, Carboidrati, Potassio e Fosforo. Tra l’altro, quando si decide di inserire all’interno del proprio regime alimentare si potrà godere di alcuni benefici, come:

  • Maggiore produzione del cosiddetto colesterolo grazie alla presenza degli Omega 3 e Omega 6
  • Ottimo apporto energetico in quanto contiene carboidrati e proteine
  • Mantenimento della regolarità intestinale (contrastando anche la stipsi), per merito delle fibre sia solubili sia insolubili

Un altro aspetto positivo della Roveja è che è un alimento che può essere assunto, molto tranquillamente, da tutte quelle persone che presentano problemi ad assorbire i cibi oppure a cui è stata diagnosticata un’intolleranza, in quanto non presenta nessuna traccia di:

  • Istamina
  • Glutine
  • Lattosio

 

Controindicazioni

Di contro è assolutamente sconsigliabile che venga assunta da chi soffre di colite oppure dalla sindrome del colon irritabile, in quanto la presenza delle fibre solubili e insolubili (che fanno molto bene all’intestino) potrebbero causare molti fastidiosi disturbi come ad esempio:

  • La tensione addominale
  • Flatulenza

Inoltre, siccome la Roveja appartiene alla famiglia dei piselli (secondo alcuni è un’antica progenitrice) non può e non deve essere mangiata da chi soffre di favismo, per chi non lo sapesse si tratta di una patologia genetica la quale causa un difetto congenito all’enzima essenziale che si trova nei globuli rosso che, nei soggetti sani, si occupa di avviare i processi ossidoriduttivi.