Quanto Deve Mangiare un Neonato

Il periodo della nascita di un neonato rappresenta un momento di grande gioia, ma allo stesso tempo di grande apprensione. Il neonato dipenderà completamente dalle cure dei genitori durante i primi mesi di vita, ragion per cui sarà fondamentale rapportarsi nei suoi confronti con premura e consapevolezza.



Uno degli interrogativi maggiori rappresenta il momento del pasto: quante volte deve effettivamente mangiare un neonato? Moltissime mamma si pongono questa domanda in previsione delle poppate di latte o di latte artificiale in caso di assenza del latte naturale.

Per valutare la crescita ponderale del neonato sarà sufficiente pesarlo una volta alla settimana, a differenza di quanto avveniva in passato tramite la tecnica della doppia pesata, mantenendo le stesse condizioni a digiuno alla stessa ora.

 

CRESCITA NORMALE DI UN NEONATO

La crescita normale di un neonato durante il primo semestre dovrebbe riportare un aumento di peso pari a 150/200 grammi a settimana. In presenza di un aumento superiore a tali dati non si riscontrano generalmente problemi, mentre in presenza di una crescita di peso inferiore sarà invece opportuno eseguire degli accertamenti.

Al fine di verificare la crescita di peso legata a possibili problemi correlati alle poppate dovranno essere tenuti in considerazione le pesature della settimana per sottoporle al proprio pediatra. Sintomi come il rigurgito e il dolore alla pancia potrebbero essere il sentore di un qualche problema fisico, ma generalmente rappresentano un fattore del tutto normale e fisiologico. Allo stesso modo il classico “ruttino” varierà da neonato a neonato senza essere fondamentale come spesso si tende a pensare.

 



QUANTO DEVE MANGIARE UN NEONATO A POPPATA

In base ai giorni di vita e di crescita del neonato sono state create delle apposite linee guida ad indicare i valori massimi di latte consigliati, un’indicazione che dovrà però essere sostenuta dal proprio medico pediatra a seconda dei neonati e delle diverse esigenze. I medici pediatri si servono di un calcolo matematico per elaborare la giusta quantità di latte che dovrà essere introdotta nella dieta del neonato e che si rivela essere la seguente:

  • Calcolo della poppata nell’arco di 24 ore (peso del bambino in grammi diviso per 10, aggiungendo al risultato 250).

Volendo citare un esempio, in presenza di un neonato dal peso di 3kg, si potrà effettuare il calcolo: 3000 : 10 + 250, ottenendo 550 grammi di latte. Il quantitativo totale dovrà a sua volta essere suddiviso per il numero di poppate giornaliere, in genere 6, arrivando quindi a 92 grami di latte per ogni singola poppata.

Con il biberon sarà quindi assolutamente facile gestire il corretto peso specifico del latte, mentre allattando al seno non si potrà in alcun modo calcolare i grammi del latte introdotto dal neonato. In questo caso sarà sufficiente far attaccare al seno il neonato a richiesta, controllando successivamente lo stato del pannolino. In presenza di feci e urina regolari (pannolino bagnato almeno 5/6 volte al giorno di urina) significherà un corretto apporto alimentare.

Il corretto apporto di latte in un mese dovrà corrispondere a circa 110/120 ml a poppata, mentre a due mesi andranno ridotte le poppate da 6 a 5, per 140/150 ml. A tre mesi dovranno essere integrate 160/180 ml a poppata, a sei mesi andranno ridotte le poppate giornaliere a 4 volte per 200/230 ml di latte. Al sesto mese si consiglia di far assumere al neonato 485 calorie dal latte, circa 700 ml, e 200 calorie dagli alimenti complementari per lo svezzamento.