Vai al contenuto

Quante Calorie al Giorno Bisogna Assumere?

    Cosa Sono

    Il numero di calorie giornaliere non è uguale per tutti, esso infatti varia a seconda del sesso, dell’età, dell’altezza, dello stile di vita, del peso e delle condizioni di salute generali. In ambito medico la caloria è l’unità di misura mutata in termodinamica, al fine di stabilire quanto apporto energetico si introdurrà nell’organismo attraverso determinati cibi.

    Ogni alimento presenta delle calorie che andranno a sommarsi con il resto dei condimenti utilizzati o al conteggio totale giornaliero.

    Il termine caloria venne introdotto ed utilizzato da un fisico britannico nel 1850, James Prescott Joule, che la sperimentò nell’innalzamento della temperatura dell’acqua da 14,5 gradi a 15,5 gradi.

    Genralmente gli uomini hanno bisogno di più calorie rispetto alle donne, come un giovane attivo necessiterà di un apporto maggiore rispetto ad un uomo di mezza età con uno stile di vita sedentario.

     

    Calorie Giornaliere

    Uno studio recente ha evidenziato come una masticazione lenta trattenga in realtà molte più calorie, a dsicapito di quanto detto e letto sino ad ora in materia.

    Come precedentemente detto, fattori come età, peso, altezza, sesso e stile di vita, nonché il metabolismo basale, influenzano i rispettivi fabbisogni giornalieri di un singolo individuo. In linea di media generale, stando a quanto riportato da una statistica americana, il fabbisogno calorico maschile si aggira intorno alle 2700 calorie giornaliere, mentre il fabbisogno femminile intorno alle 2200 calorie. Uno studio italiano invece ipotizza 2500 calorie come apporto giornaliero maschile e 2000 calorie per quello femminile.

    Odiernamente il consumo medio calorico dei paesi indusrializzati vanta un’eccessivo apporto all’organismo,  frutto di diete irregolari e cattive abitudini.La maggioranza della popolazione presenta dunque un indice di peso corporeo superiore alla media, sottovalutando l’importanza e l’abuso delle calorie.

    Molte persone, soprattutto durante i regimi dietetici ipocalorici, si concentrano sul conto delle calorie di ogni singolo alimento invece di concentrarsi sul cibo come una totalità giornaliera. Un esempio pratico di totalità è rappresentato da un apporto di frutta e verdura in cinque parti giornaliere, in grado di allungare persino il periodo della vita di un individuo. Alternando carni bianche e magre a pesce e legumi si potranno non solo tenere sotto controllo le calorie ma anche perdere peso, se necessario.

    L’apporto dello zucchero negli alimenti è odiernamente un problema ricorrente che altera le calorie dei cibi a tavola, esso è infatti presente in molti preparati al fine di migliorarne la pessima qualità, come legumi in scatola, preparati salati, bevande industriali, ecc.

     

    Quante Calorie si Bruciano al Giorno

    L’organismo umano ha bisogno di energie per rimanere in vita, assunte e immagazzinate sottoforma di calorie. La semplice respirazione, lo stato di riposo, la postura della schiena, ogni movimento volontario e involontario richiede un dispendio energetico.

    Il fabbisogno giornaliero di calorie dimunirà in presenza di luoghi caldi, per aumentare in presena di luoghi freddi che richiederanno un termoregolazione interna dell’organismo diversa, con un relativo dispendio di energia.

    Circa un 20% dell’energia sarà impiegata nel metabolismo cerebrale, mentre il restante 80% sarà impiegato per le funzioni metaboliche basali.