Potassio: Alimenti che lo contengono

Perchè è Importante

Il potassio è un metallo alcalino definito tenero, bianco-argenteo che si trova in natura combinato con altri elementi che si trovano sia nell’acqua di mare sia in molti minerali. A contatto con l’aria subisce un processo di ossidamento e risulta essere particolarmente reattivo al contatto con l’aria.



Per il suo componimento chimico assomiglia e viene quindi associato al sodio, ed è un elemento corrosivo e facilmente infiammabile.

Anticamente questo minerale è rimasto sconosciuto alle popolazioni, compresa quella romana, per la maggior parte del tempo, in quanto non erano noti né sali, né potassio come alleati dell’organismo e di determinati alimenti.

Non tutti sanno che il potassio costituisce circa il  2,4% del peso totale della crosta terrestre e che in molti minerali si trova presente sotto forma di sali insolubili che rendono molto difficile la sua estrazione (carnallite, langbeinite,  polialite e silvite).

 

Fabbisogno Giornaliero

Il potassio è reperibile negli alimenti, nelle bevande e nell’acqua e il suo fabbisogno muta in base alle attività svolte da ogni singolo soggetto. Proprio per questo è facile riscontrare una carenza di tale minerale.

In generale il fabbisogno di potassio si divide in:

  • Bambini meno di 1 anno: 800 mg al giorno.
  • Bambini da 1 a 3 anni: 800 mg al giorno.
  • Bambini da 4 a 6 anni: 1.100 mg al giorno.
  • Bambini da 7 a 10 anni: 2.000 mg al giorno.
  • Giovani e adulti: 3.100 mg al giorno.

 

Alimenti Ricchi di Potassio

Alcuni alimenti presentano inoltre elevate quantità di potassio rispetto ad altri cibi.



  • Datteri secchi (750 mg per 100 g di sostanza).
  • Farina e soia (1660 mg per 100 g di sostanza).
  • Pistacchi (972 mg per 100 g di sostanza).
  • Farina di castagne (847 mg per 100 g di sostanza).
  • Prezzemolo (670 mg per 100 g di sostanza).
  • Prugne secche (824 mg per 100 g di sostanza).
  • Patatine fritte confezionate (1060 mg per 100 g di sostanza).
  • Caffè tostato (2020 mg per 100 g di sostanza).
  • Piselli secchi (990 mg per 100 g di sostanza).
  • Crusca di frumento (1160 mg per 100 g di sostanza).
  • Acciughe sott’olio (700 mg per 100 g di sostanza).
  • Arachidi tostate (680 mg per 100 g di sostanza).
  • Fagioli borlotti (secchi e crudi, 1478 mg per 100 g di sostanza).
  • Minestrone iofilizzato (800 mg per 100 g di sostanza).
  • Fagioli cannellini (secchi e crudi 1411 mg per 100 g di sostanza).
  • Patate fritte (660 mg per 100 g di sostanza).
  • Tè in foglie (2160 mg per 100 g di sostanza).
  • Sarde (630 mg per 100 g di sostanza).
  • Latte di vacca in polvere e intero (1270 mg per 100 g di sostanza).
  • Lenticchie secche e crude (980 mg per 100 g di sostanza).
  • Uva secca (864 mg per 100 g di sostanza).
  • Albicocche disidratate (1260 mg per 100 g di sostanza).
  • Pepe nero (1260 mg per 100 g di sostanza).


Questo sito fa uso dei cookie, anche di terze parti, per garantire ai suoi utenti un'esperienza di uso ottimale. Continuare nella navigazione (scroll, click, ...) equivale all'accettazione dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi