Palpebre Cadenti Rimedi

Le palpebre cadenti, dette anche blefaroptosi, possono creare una seri di fastidi invasivi e non riguardano soltamente l’aspetto estetico e l’invecchiamento che avanza. Questo problema nasce dalla perdita di tonicità delle fasce muscolari al di sopra degli occhi. In alcuni casi tuttavia le palpebre cadenti possono essere associate ad altri disturbi come l’orzaiolo, oppure infezioni o infiammazioni.



Senza dover ricorrere all’uso invasivo della chirurgia plastica vi proponiamo alcuni sempici rimedi naturali alla portata di tutti.

Limitando il consumo di fumo, alcol, esposizione solare e lo stress, che provocano l’invecchiamento precoce dei tessuti, è possibile rallentare il fenomeno delle palpebre cadenti.

 

RIMEDI NATURALI CONTRO LE PALPEBRE CADENTI

La ginnastica facciale che permette a tutti i singoli muscoli del viso di muoversi è il primo passo importante per rallentare l’effetto delle palpebre cascanti. Se praticata con costanza almeno una decina di minuti al giorno riuscirà a produrre buoni risultati evidenti.



  • Rimedio dell’acqua fredda: bagnare il viso e la zona intorno gli occhi con acqua fredda mantiene la pelle elastica e tonicità muscolare, un classico rimedio utilizzato soprattutto dalle nonne.
  • Utilizzo del cetriolo: le sue proprietà antinfiammatorie e le sue vitamine aiutano la pelle a mantenersi in salute, tonificandola, ma persino a contrastare i radicali liberi. I cetrioli possono essere inseriti sia nell’alimentazione che per la preparazione di creme facciali per sgonfiare i gonfiori e idratare la pelle.
  • Tè verde: il suo infuso è una fonte essenziale di antiossidanti, di polifenoli e di proprietà antinfiammatorie. Il suo consumo aiuta a proteggere la pelle dai danni causati dall’invecchiamento e dall’eccessiva esposizione al sole. Una volta raffreddato può anche essere applicato per una decina di minuti nella zona del contorno occhi.
  • Impacchi alla camomilla: gli impacchi con questa pianta sono sempre ricchi di benefici. Aiutano a lenire gonfiori, rossori e infiammazioni. L’ideale è quello di lasciar freddare l’infuso per poi intingere un fazzoletto che si andrà ad applicare sulle palpebre chiuse per almeno 15/20 minuti.
  • Rimedio dei cubetti di ghiaccio: passare un cubetto di ghiaccio nella zona del contorno occhi e in direzione delle palpabre cadenti è un ottimo rimedio. Tonifica, sfiamma e riduce il gonfiore.
  • Esercizi di ginnastica facciale: rappresenta l’ultima frontiera del lifting economico e consiste in particolari esercizi per muovere ogni muscolo del viso nella maniera corretta.

Per una fronte liscia, ma soprattutto per delle palpebre più toniche è stato ideato uno specifico esercizio che consiste nel:

  • Corrugare la fronte, aggrottando le sopracciglia, in stile viso imbronciato.
  • Contare fino a 10.
  • Rilassare il viso.
  • Alzare le sopracciglia spalancando gli occhi.
  • Ripetete tutto il ciclo per 10 volte.

La ginnastica facciale per il contorno occhi invece consiste è un esercizio utile per tutte quelle persone che trascorrono tempo davanti al pc o leggendo, di fronte alla televisione. Si sbattono ripetutamente le palpebre contando lentamente fino a venti. Successivamente si chiudono gli occhi per altri venti secondi.

L’esercizio va terminato mantenendo gli occhi ben spalancati almeno per mezzo minuto circa.