Olio e crema solare hanno la stessa efficacia contro i raggi UV?

Olio e crema solare hanno la stessa efficacia contro i raggi UV

Esponendo la pelle al sole sono diverse le domande che continuano a dimostrarsi colme di lacune. L’Olio e la crema solare possiedono la stessa efficacia contro i raggi UV?



Prima ancora di rispondere a questa domanda ci si deve soffermare sull’importanza della preparazione della pelle al sole, che si tratti della stagione estiva o che si decida di partire per le vacanze per un lasso di tempo limitato.

Gli esperti consigliano sempre di sottoporre la propria pelle ad un trattamento precedente l’esposizione ai raggi ultravioletti, al fine di evitare il rischio di scottature ed eritemi solari.

Durante il corso dei mesi invernali la pelle non si dimostra sufficientemente abituata al calore dei raggi solari estivi e proprio per questo l’esposizione dovrà quindi risultare progressiva e priva di effetti collaterali dannosi.

Attraverso questo nuovo articolo cercheremo di approfondire tutte le caratteristiche legate all’impiego dell’olio e della crema solare, soffermandoci sulle rispettive azioni e differenze, al fine di comprendere meglio quale trattamento risulta maggiormente efficace per la protezione della cute ai raggi ultravioletti.

Olio e Crema solare: quale scegliere, caratteristiche e differenze

Con l’arrivo della bella stagione o la prenotazione delle vacanze in un luogo a temperature estive si dovrà preparare la pelle all’esposizione solare, munendosi dei prodotti necessari alla protezione dei rischi di scottature ed eritemi.

Sono in molti tuttavia a domandarsi quali prodotti, tra l’olio e la crema solare, risultino maggiormente adatti allo scopo. Nel corso degli ultimi anni le formulazioni dell’olio solare si sono progressivamente modificate, abbandonando il concetto di attivatore dell’abbronzatura particolarmente utilizzato durante il corso degli anni Ottanta.



In passato gli oli solari si dimostrano privi di una reale protezione dai raggi ultravioletti, favorendo quindi l’insorgere degli effetti collaterali in assenza di un impiego delle creme apposite.

Odiernamente invece gli oli solari sono stati adattati alle medesime funzionalità delle creme, inserendo una reale protezione dai raggi UV sotto diverse gradazioni SPF, arrivando sino alla protezione 50.

Allo stesso tempo la crema assicura la stessa efficacia di protezione degli odierni oli, sotto diverse fasce di protezione a seconda delle differenti tipologie di cute.

Che si opti per l’acquisto di un olio o di una crema si potrà quindi ottenere la giusta protezione in entrambi i casi, adattandosi alle esigenze personali di applicazione e di preferenza dei vari soggetti.

Le formule solari presenti sul commercio sono pensate per coprire le esigenze di qualsiasi tipologia di pelle, disponibili in commercio sotto forma di spray, crema, versione crema latte, sotto diverse fasce di costo, gradazioni di protezione e preferenze.

In direzione della pelle del viso tuttavia si consiglia l’impiego di una crema solare anziché dell’olio, riferita esclusivamente non all’efficacia di protezione ma all’eliminazione del tipico effetto lucido sulla cute.

Nell’eventualità di un’immersione in acqua si dovrà inoltre valutare l’effettiva resistenza della protezione, la quale dovrà essere riportata e specificata all’interno della formulazione del prodotto scelto.

Successivamente all’esposizione ai raggi ultravioletti dovrà essere applicato un trattamento dopo sole al fine di assicurare alla pelle la corretta idratazione e il mantenimento dell’abbronzatura conquistata il più a lungo possibile.