Globuli Rossi Bassi, cosa mangiare

I globuli rossi presenti all’interno delle cellule sanguigne, chiamati anche eritrociti, trasportando l’ossigeno dai polmoni al resto dei tessuti. La conta dei globuli rossi risulta importante soprattutto dal punto di vista delle possibili patologie che un valore basso o alto potrebbero indicare. I valori classificati nella norma comprendono:



  • Soggetti maschili: 4.52 – 5.90 x1012 per litro.
  • Soggetti femminili: 4.10 – 5.10 x1012 per litro.

Le cause che possono portare ad un abbassamento dei valori dei globuli rossi possono essere molteplici, tra le più probabili si trovano: emorragie, leucemie, linfonodi, patologie del midollo osseo, anemia emolitica, carenze nutrizionali, infiammazioni, ecc.

In caso di valori nettamente inferiori di globuli rossi si dovrà quindi richiedere un surplus di successive analisi prescritte dal proprio medico al fine di individuare le cause all’origine.

 

GLOBULI ROSSI BASSI: SINTOMI

Tra i sintomi che potranno essere riscontrati in caso di una conta di globuli rossi bassa si trovano:

  • Debolezza generale
  • Debolezza muscolare
  • Pallore
  • Stanchezza
  • Tachicardia
  • Nausea
  • Perdita o diminuzione dell’appetito

Generalmente le cause principali di una diminuzione dei globuli rossi si associano ad uno stile di vita alimentare irregolare, legato quindi a carenze significative che potrebbero compromettere lo stato dell’organismo nel lungo periodo. In questo caso si potrà intervenire riequilibrando la dieta attraverso l’assunzione di alimenti in grado di aumentare il livello di globuli rossi nel sangue.

 

ALIMENTAZIONE IN PRESENZA DI GLOBULI ROSSI BASSI: COSA MANGIARE?

CARNE E PESCE: carne rossa, fegato, pollo, ostriche, tuorlo d’uovo, vongole (a ricco contenuto di ferro).

LEGUMI E FRUTTA SECCA: tofu, fagioli, lenticchie, ceci, semi di zucca, semi di chia, semi di girasole, noci, mandorle, pistacchi (a ricco contenuto di ferro).



FRUTTA SECCA: prugne secche, albicocche secche, uva passa, datteri.

CEREALI INTEGRALI: avena, germe di grano.

VERDURA E FRUTTA: asparagi, ananas, radicchio verde, alga spirulina.

ALIMENTI AD ALTO CONTENUTO DI VITAMINA C: kiwi, verdura a foglia verde, pomodori, agrumi, peperoncino, peperoni rossi, gialli e verdi.

ACIDO FOLICO: germe di grano, arachidi, uova, frutta secca, verdure a foglia verde, germogli, broccoli, frattaglie, legumi.

 

CIBI DA EVITARE IN PRESENZA DI GLOBULI ROSSI BASSI

Alcuni alimenti ostacolano l’assorbimento del ferro, al contrario dei cibi elencati sopra che invece incrementano e favoriscono un maggiore assorbimento di ferro e minerali.

Andranno per tanto evitate o ridotte alcune bevande, soprattutto in presenza dei pasti, come il caffè e il tè. I latticini dovranno essere limitati, allo stesso modo anche i legumi e la crusca dovranno essere assunti in quantità moderate al fine di permettere l’assunzione di ferro che, oltre certi valori, verrebbe ostacolata dalla presenza di calcio e fosforo.

Anche l’acido ossalico può compromettere l’assorbimento del ferro contenuto nelle bietole, sedano, cacao puro, rabarbaro, cereali integrali (che dovranno quindi essere consumati con moderazione). Particolarmente sconsigliati saranno burro, panna, yogurt, mascarpone, gelati confezionati, dolci cremosi.

In particolare modo durante lo stato di gravidanza l’insorgere delle anemie potrebbe comportare gestosi, aborto spontaneo, fino a compromettere la produzione del latte materno, per questo motivo sarà importante seguire un corretto regime alimentare evitando un abbassamento dei globuli rossi.