Digitopressione per Ansia e per Dimagrire

Secondo l’antica tradizione cinese la digitopressione si rifà a una particolare tecnica di massaggio. Secondo la stessa il corpo umano sarebbe attraversato da un’energia vitale che scorre, in modo incessante, lungo una densa rete di canali disseminati in tutto il corpo.



Quando insorgono problematiche o particolari patologie codesto flusso subisce una sorta di arresto, portando in squilibrio il flusso energetico.

La digitopressione può essere impiegata anche contro i chilogrammi di peso in eccesso, per accelerare il metabolismo, oltre che per ridurre gli stati ansiosi e per combattere il mal di schiena (abbiamo preparato una guida anche sulla digitopressione per il mal di schiena).

DIGITOPRESSIONE PER DIMAGRIRE: COME APPLICARLA

I punti che caratterizzano la digitopressione nell’accelerazione del metabilismo sono essenziamente quattro.

  1. Punto Dui-Duan, elminare la fame nervosa: spesso, in questi casi, il soggetto tende a consumare improvvisamente una grande quantità di cibo per riuscire a calmare lo stato d’ansia avvertito. Tale fenomeno porta ad un rapido innalzamento del peso corporeo, nei casi più gravi privo di controllo. Si comincia effettuando una pressione costante su di un punto preciso appena sotto le narici e le labbra, ripetuto un paio di volte al giorno per circa cinque minuti per ottenerne beneficio.
  2. Punto appetito per facilitare la perdita di peso: il lobo dell’orecchio può facilitare la perdita dei chili in eccesso attraverso la digitopressione. In modo leggero e costante, con il dito pollice, viene fatta pressione sul lobo dell’orecchio. L’operazione deve essere ripetuta almeno un paio di volte al giorno per qualche minuto circa. Questa particolare tecnica aiuta a riattivare il metabolismo pigro, associato ad una dieta moderata e al sano esercizio fisico.
  3. Punto Qu-Chi per ripristinare la corretta funzione dell’apparato intestinale: questa tecnica idividua un punto preciso che collega l’apparato intestinale al gomito. Il punto da premere si trova sull’avambraccio, qualche centimetro più indietro rispetto al gomito. Grazie alla pressione si mira a migliorare l’intestino pigro, i problemi di stitichezza, aerofagia, diarrea e altri lievi disturbi. L’esercizio va effettuata per almeno tre volte al giorno per un minuto circa, associato ad uno stile di vita alimentare sano.
  4. Punto Tsu-san-li per alleviare i disturbi dell’apparato digerente: un’altro punto strategico per la digitopressione vede collegarsi il ginocchio e i problemi a carico dell’apparato digerente. Soprattutto chi soffre di digestione, disattenzione alimentare o ritmi frenetici, questo punto detto anche longevo è in grado di migliorare l’apparato digerente. Secondo la tradizione antica cinese il punto longevo è caratterizzato da ben cento malattie, dal quale possono avere origine, e si trova sulla gamba, sulla parte anteriore, poco sotto la piega del ginocchio. La costanza del massaggio va ripetuta ogni pomeriggio comprimendo in senso orario, per almeno nove volte, cinque minuti per ogni gamba.

Ultimo punto, detto anche Low-gu, viene sia consigliato per la riduzione del peso corporeo, sia come rimedio per alcune malattie. Il punto esatto del Low-gu si trova sopra la caviglia interna a circa 5 cm. Massaggiare questo punto aiuta a sbarazzarsi dei chilogrammi in eccesso, ed è anche molto utile per alcune malattie, come l’intorpidimento di mani e piedi, così come per i problemi di cuore.



 

DIGITOPRESSIONE CONTRO L’ANSIA

Contro gli stati d’ansia, o gli attacchi, sono stati studiati altri cinque punti di pressione particolari.

  1. Punto 1 – Nei Guan: dal polso, si misura la lunghezza di tre dita verso l’avambraccio. Il punto del Nei Guan si trova dove il terzo dito incontra la metà della larghezza del braccio. Il pollice va applicato e ruotato ad accompagnare il movimento circolare 2/3 minuti di tempo.
  2. Punto 2 – Union Valley: situato nel giunto carnoso fra il pollice ed il dito indice su entrambe le mani. La pressione decisa con il pollice e l’indice va applicata per 3 minuti.
  3. Punto 3 – Shoulder Well: si trova a metà strada tra il punto della spalla e la base del collo. La pressione va esecitata con il dito indice per per qualche minuto.
  4. Punto 4 – Central Treasury: è localizzato sul tessuto tenero due dita sopra il punto dove il braccio incontra il torace. Si utilizza la punta del dito indice per qualche minuto.
  5. Punto 5 – Heavenly Pillar: si trova un dito sotto la base del cranio, sui muscoli del collo che sporgono su entrambi i lati della colonna vertebrale.

Si utilizzano entrambi i pollici per esercitare una pressione decisa in entrambi i punti per 3 minuti contro lo stress, ansia, torcicollo, stanchezza e persino occhi gonfi.