Differenza tra Vegano e Vegetariano

La distinzione tra una persona vegetariana e una persona vegana potrebbe apparire sin dal principio molto sottile, eppure tra i due specifici regimi alimentari esistono marcate differenze che è necessario conoscere.



Analizzeremo dunque nel dettaglio sia lo stile di vita alimentare vegetariano che quello vegano col fine di scoprire qual è la differenza tra vegano e vegetariano.

 

REGIME ALIMENTARE VEGETARIANO

Per vegetariano si intendono tutti quei soggetti che escludono dalla propria alimentazione la carne, inclusa la carne dei pesci e la carne d’aria, ovvero quella riferita alla selvaggina dei volatili. Tuttavia la persona vegetariana non rinuncia ad alcuni alimenti provienti dagli animali stessi, come le uova e il latte.

Oltre alla categoria definita dei vegetariani si sono sviluppate anche delle sottocategorie, come i semi/vegetariani atti al consumo di carne e pesce con una frequenza minima nell’arco della settimana, oppure chi sceglie di escludere la carne, consumando però quella del pesce. Onde evitare di fare confusione è per ciò doveroso ammettere che il vero vegetariano corrisponde alla descrizione iniziale, mentre il resto delle categorie al regime correlate non possono essere definite vegetariane. Inoltre, la terminologia della parola “vegetariano” è comparsa soltanto a seguito dell’Ottocento, mentre precedentemente questo particolare regime alimentare era definito “pitagorico”, in onore del suo pioniere Pitagora.

Ti interessa uno stile alimentare vegetariano? Ti consigliamo due diete: la dieta lampo e la dieta da 1200 calorie.

 

REGIME ALIMENTARE VEGANO

Il regime vegano risulta essere decisamente più restrittivo rispetto a quello del vegetariano. I vegani eliminano di fatti dalla propria dieta tutti gli alimenti di origine animale, compresi i derivati da essa. Il regime vegano prevede quindi l’assunzione dei soli cibi vegetali, escludendo dunque latte, uova, formaggi, oltre alla carne e al pesce.



Per la stessa ragione di tale concetto i vegani non indossano indumenti con tessuti provenienti dallo sfruttamento degli animali, come cuoio, lana, seta, pelliccia, prodotti cosmetici testati su animali, non frequentando nemmeno gli spettacoli circensi, ecc.

L’origine della parola “vegana” si deve a Donald Watson, nel 1944, scissa direttamente dalla parola “vegetariano”.

In coclusione si potrebbe affermare che la differenza più marcata fra uno stile di vita alimentare vegano e uno stile vegetariano è proprio nell’introduzione o nell’eliminazione dei prodotti animali e dei suoi derivati.

 

BENEFICI DELLA DIETA VEGETARIANA E VEGANA

  • Potenziamento della resistenza fisica grazie alla presenza di amidi, nei cereali, nei legumi secchi, nella manioca e nelle patate, depositate come riserva nei muscoli;
  • Azione lassativa: un maggior apporto di legumi, frutta e verdura aumenta la quantità di fibre assunte dall’organismo, evitando la stipsi;
  • Riduzione del rischio di malattie cardiocircolatorie e cancro: proprio grazie ad una percentuale di lipidi meno elevata, riducendo anche l’insorgere di patologie come artrite, artrosi, diabete, obesità, osteoporosi;
  • Alcalinità: può scagionare il rischio di riacutizzarsi delle patologie cronico-degenerative.

Entrambi i regimi alimentari richiedono una corretta strutturazione al fine di evitare l’insorgere di anemie, carenze di vitamine ed altri sali minerali. Solitamente nei confronti dei bambini e delle donne in stato di gravidanza sono totalmente sconsigliati entrambi i regimi, se non sotto stretto controllo medico e prescrizione di un nutrizionista che apporterà l’uso di integratori vitaminici dove necessario, proprio per garantire un corretto apporto di nutrienti in fase di crescita.