Come Sapere il Gruppo Sanguigno

Cos’è

Il gruppo sanguigno viene classificato tramite la presenza o l’assenza di antigeni sulla superficie dei globuli rossi. Gli antigeni possono differenziarsi in proteine, carboidrati, glicoproteine o glicolipidi, come sulla superficie di ulteriori tipi di cellule e tessuti, esclusi quelli riguardanti il sistema nervoso.



Il gruppo sanguigno di un individuo è geneticamente determinato per via ereditaria al momento della nascita e presenta contributi da entrambi i genitori.

Precedentemente al 1901 l’esistenza dei diversi gruppi sanguigni era totalmente ignorata. Soltanto attraverso gli studi di Karl Landsteiner si arrivò alla suddivisione del sangue nei vari gruppi del sistema AB0, mentre successivamente si giunse alla scoperta anche di altri fattori atti a distinguere i diversi gruppi. Ciò che forma un sistema di gruppi sanguigni è un insieme di diversi antigeni superficiali, derivati da un allele e da geni correlati fra loro.

 

Tipi di Gruppo Sanguigno Esistenti

Ad oggi sono stati riconosciuti 30 differenti sistemi di classificazione dei gruppi sanguigni dalla Società Internazionale delle Trasfusioni di Sangue, in aggiunta agli antigeni AB0 e Rhesus.

Ogni mammifero presenta sui propri globuli rossi l’antigene 0, un glicano associato alla membrana plasmatica costituito da due residui glucidici: N-acetilgalattosamina e galattosio, con l’aggiunta di un residuo di fucosio, in formazione dell’antigene H. A tale struttura va aggiunta successivamente la glicosiltransferasi che introduce residui glucidici per formare i diversi antigeni.

I gruppi del sistema AB0 sono:



  • Gruppo 0: privi di residuo caratteristico, anticorpi presenti Anti-A e Anti-B, genotipo “iii”.
  • Gruppo A: residuo caratteristico N-acetilgalattosamina, anticorpi presenti Anti-B, genotipo IAi o IAIA.
  • Gruppo B: residuo caratteristico Galattosio, anticorpi presenti Anti-A. genotipo IBi o IBIB.
  • Gruppo AB: residuo caratteristico N-acetilgalattosamina e Galattosio, genotipo IAIB.

Fattore Rhesus (Rh): fu scoperto nel 1940, grazie a uno studio sui Macaco Rhesus, ovvero proteine idrofobiche non glicosilate, presenti sulla membrana dei globuli rossi. Una parte della popolazione, racchiusa in un 15% statistico, presenta una mutazione su questo gene che li rende privi della proteina. Questi soggetti vengono definiti come Rh-negativi e possono produrre anticorpi verso la proteina stessa.

 

Conoscere il Proprio Gruppo Sanguigno

Conoscere il gruppo sanguigno dei propri genitori: aiuta ad elaborare i calcolo del risultato sanguigno, calcolabile anche online tramite alcuni siti appositi.

Richiesta al medico di base: il gruppo sanguigno potrebbe essere riportato sulla scheda personale medica del soggetto in seguito ad analisi specifiche del sangue quali un intervento chirurgico, gravidanza, trasfuione di sangue, donazione organi.

Kit per l’analisi del sangue: questo genere di kit è acquistabile presso qualsiasi farmacia e funziona attraverso la pungitura del dito. Sarà in seguito necessario seguire le istruzioni e riempire diverse cartelle, dove avverrà una reazione chimica atta a non disperdere il sangue. Al termine del processo i risultati potranno essere confrontati con la tabella presente nella confezione del kit stesso.

Analisi del sangue: attraverso le anali standard del sangue, specificando nella richiesta l’esame per la differenziazione del gruppo sanguigno. Questo tipo di analisi è prescrivibile sia dal medico che presso una clinica privata.

Donazione del sangue: un ulteriore metodo consiste nella donazione volontaria del sangue presso le sedi dell’AVIS.

Centri del sangue del proprio paese di residenza.