Come asciugare i capelli ricci

Come asciugare i capelli ricci

La cura dei capelli passa generalmente attraverso almeno due trattamenti presso i saloni di bellezza dei parrucchieri professionali, indipendentemente dalla fascia di età e dal sesso dei soggetti.



Ogni tipologia di capello richiede una cura e un trattamento specifico e del tutto personalizzato, mentre nel corso degli ultimi anni si sono dimostrati in aumento non soltanto gli appuntamenti fissati presso i saloni di parrucchiere da parte di donne ma anche da parte di uomini sempre più attenti al proprio look.

Proprio come l’abbigliamento anche la capigliatura rappresenta un vero e proprio biglietto da visita al quale prestare la giusta cura e attenzione. Oltre alle tinture, ai diversi tagli e cambi di look, alle messe in piega, anche una corretta temperatura per asciugare i capelli a seguito del lavaggio risulta estremamente importante e diversa a seconda delle capigliature lisce, ondulate oppure ricce.

Attraverso questo nuovo articolo ci occuperemo di approfondire tutte le procedure da attuare in presenza di una capigliatura tipicamente riccia, non soltanto presso i saloni di parrucchiere ma soprattutto comodamente da casa attraverso un’attenzione quotidiana.

Come asciugare i capelli ricci: tutto quello che occorre sapere

I capelli ricci possono risultare spesso difficili da trattare a differenza invece di una capigliatura liscia e di minor impegno dal punto di vista sia della piega che dei trattamenti necessari.

Prima ancora di apprendere le linee guida fondamentali necessarie per una corretta asciugatura dei capelli ricci sarà necessario munirsi dei seguenti prodotti: shampoo e balsamo indicato specificatamente per la capigliatura riccia, pettine largo, phon e diffusore, lacca, asciugamani per tamponare i capelli.



I capelli ricci dovranno essere accuratamente lavati con uno shampoo e un balsamo idonei, preferibilmente privi di agenti chimici aggressivi. Tra gli shampoo più indicati in presenza di capelli ricci sarà preferibile optare per un prodotto anti-crespo, indicato anche per l’impiego del balsamo al fine di assicurare al riccio una forma ben definita.

In questo caso il balsamo dovrà essere distribuito sulle lunghezze evitando la radice al fine di non appesantire eccessivamente il cuoio capelluto. Successivamente si potrà procedere al risciacquo dopo alcuni minuti di posa e utilizzare un’asciugamano per tamponare la capigliatura senza provocare un’eccessiva frizione.

I capelli umidi potranno essere pettinati grazie all’impiego di un pettine largo indicato per i ricci, applicando una spuma specifica per districare i nodi, soprattutto in direzione delle punte.

La capigliatura non dovrà tuttavia essere pettinata a lungo, passano quindi all’utilizzo del phon, evitando categoricamente l’applicazione del gel che rischierebbe solamente di rendere i capelli ricci secchi e privi di volume.

Il diffusore da applicare al phon dovrà risultare lo stesso presente all’interno della confezione al momento dell’acquisto, assicurando al calore una corretta e idonea distribuzione. Il modo migliore per asciugare i capelli ricci risulta la posizione a testa in giù, partendo dalla nuca e scendendo verso le lunghezze del capello.

Ad asciugatura completata si potrà andare a ricreare la classica riga centrale oppure laterale servendosi di una lacca di buona qualità per fissare la piega dei ricci.

Tali linee guida potranno essere replicate ad ogni nuovo lavaggio nel corso della settimana, comodamente presso la propria abitazione.