Esaustivo Diete Dieta Plank, cos’è, come funziona e come seguirla

Dieta Plank, cos’è, come funziona e come seguirla



Il regime dietetico Plank prevede una drastica riduzione di carboidrati e la totale eliminazione degli zuccheri, a favore di un’incremento proteico. Ne esiste anche un’ulteriore versione, leggermente differente che prende il nome di dieta Plank modificata.

Ma torniamo alla versione originale di questo piano alimentare. Il rigido menù settimanale che si protae per 14 giorni assicura la perdita sostanziale di 9 chilogrammi di peso, in ciclo ripetitivo in grado di mantenere i risultati raggiunti a lungo termine (circa 3 anni).

Come ogni altra dieta alimentare prevede il consiglio del proprio medico curante, in base allo stato di salute di ogni singolo soggetto ed è quindi da escludersi sotto iniziativa personale. Per seguire più facilmente questo regime alimentare è possibile consultare la tabella alimentare della dieta Plank.

 

COME FUNZIONA LA DIETA PLANK

La dieta Plank elimina quasi del tutto i carboidrati semplici e complessi di origine non animale, principali fonti di energia.

Che cosa accade in un organismo costretto ad assumere soltanto cibi di origine animale come carne, pesce e uova? Il metabolismo di tali sostanze nutritive si basa su un dispendio energetico superiore rispetto a quello necessario per assimilare i carboidrati. Tagliando il consumo di zuccheri, grassi e calorie induciamo il corpo in una condizione di carenza energetica, andando a bruciare gli accumuli adiposi.

Inizialmente il nostro organismo reagirà perdendo peso, portandoci esattamente dove ci eravamo prefissati di arrivare, ma questo processo a lungo termine subirà un’impennata, costringendo il metabolismo a rallentare sino ad una condizione di stand-by. In tale processo l’organismo riducerà al minimo il consumo di energia per immagazzinare il più possibile le calorie, soprattutto al termine del regime alimentare Plank.

Il rischio di recuperare ogni chilogrammo perso con fatica rimane in agguato senza una corretta dieta di mantenimento.



 

CIBI PRIVILEGIATI NEL REGIME ALIMENTARE PLANK

Durante il periodo delle famose due settimane iperproteiche alcuni cibi verranno eliminati del tutto dalle nostre abitudini, in favore di altri.

Ma quali sono esattamente i cibi consentiti nella dieta Plank?

– Uova sode (scondite, quindi esclusivamente lessate).

– Carne di manzo (bistecche scondite, cotte esclusivamente alla griglia)

– Arrosto di manzo (scondito)

– Pesce al vapore (scondito, in alternativa con del succo di limone)

– Verdure (cotte al vapore e scondite, spinaci, insalata verde, pomodori, carote crude o lessate).

– Formaggio magro spalmabile o svizzero (in porzioni moderate, consumato una sola volta alla settimana).

– Prosciutto cotto (1/2 volte la settimana).

– Un panino (di piccole dimensioni, concesso soltanto per alcuni giorni la settimana a colazione).

– Caffé (senza zucchero, miele, dolcificanti o aspartami).

– Té (senza zuccheri, dolcificanti, aspartami o miele).

– Frutta (soltanto mele, ananas, fragole in piccole porzioni e non più di una volta la settimana).

 

La dieta Plank elimina quindi tutti i cibi precofezionati di origine industriale, qualsiasi forma di condimento eccetto il succo di limone fresco,vieta le bevande gassate, zuccherate, vino, analcolici ecc.

Predilige un grande consumo di uova, controindicato per chi soffre di colesterolo alto.

Non ci sono riferimenti alla possibilità di preparare dei centrifugati in casa privi di zuccheri, di un corretto pesaggio degli alimenti concessi e di un regime attivo fisico.

L’obbiettivo della perdita di peso si protae solamente continuando a seguire un regime alimentare corretto nelle fasi successive. Per ulteriori informazioni riguardanti opinioni e pareri sulla dieta Plank abbiamo scritto un’apposita guida.