Esaustivo Diete Dieta Paleo Alimenti Consentiti

Dieta Paleo Alimenti Consentiti



La dieta Paleo, considerata più come un regime e una filosofia alimentare, dei nostri antenati paleolitici, consiste nel nutrirsi essenzialmente di ciò che la natura stessa offriva agli uomini di un tempo.

In un periodo arcaico come il paleolitico non vi erano ancora tracce di allevamenti, né di agricoltura, ogni prodotto doveva quindi essere cacciato proprio le regole basilari degli animali predatori.

Il regime alimentare Paleo predilige dunque un apporto di proteine, eliminando i latticini, cereali, cibi raffinati e zuccheri, qualsiasi altro alimento sorto con il progresso e l’industrializzazione.

Di seguito abbiamo pensato di stilare una lista dei cibi consentiti nella dieta Paleo, suddivisi tra carne, pesce, verdura, frutta e tisane. Ad oggi la dieta paleo funziona? Vediamo quali sono gli alimenti consentiti di questo particolare regime alimentare.

 

CARNE CONSENTITA NELLA DIETA PALEO

Carne di Agnello, allodola, beccaccia, cavallo, cinghiale e cervo, coniglio e daino, faraona, lepre, manzo e maiale, selvaggina in generale, capra e montone, tacchino compreso quello a fette, daino, camoscio, pollo, quaglia, struzzo, carne di merlo e pecora, piccione, la marmotta, le frattaglie interiori, oca, ecc.

La carne preferibile è quella non proveniente da allevamenti intensivi di animali sottoposti a farmaci e antibiotici.

 

PESCI CONSENTITI NELLA DIETA PALEO

I pesci consentiti sono le acciughe e alici, alborella, anguilla, aragosta, calamaro, aringa, capesante, astice, calamaro, capitone, cozze, cernia, dattero di mare, dentice, granchio, canestrello, cefalo, la gallinella, le ostriche, lucio, murena, l’halibut, orata, salmone, moscardini, scampi, seppie e totani, gamberi, pesce palla (prestando attenzione al taglio), nasello,  palombo, platessa, razza, pesce spada, polpo, sarago, pesce gatto, spigola, sogliola, squalo, ecc.

Il pesce preferibile è quello pescato non di allevamento, al fine di ridurre al minimo la presenza di mangimi industriali contenenti proprietà  spesso dannose per l’organismo umano.



 

POSSO MANGIARE VERDURA E FRUTTA NELLA DIETA PALEO?

La verdura all’interno del regime Paleo è da preferirsi cruda, ma sono ammesse una varità enorme di verdure che le raggruppa tutte insieme, tranne le patate.

E’ ammessa qualsiasi frutta di stagione.

Al posto delle patate sono però ammessi i tuberi, le classiche patate dolci di colore arancione, la barbabietola, il topinambur e il daikon. A sostituzione dei legumi non consentiti sono ammesse le uova e l’uso delle spezie.

 

ALGHE CONSENTITE

Alga Nori, Wakame, Hiziki, Arame e Agar Agar.

 

CONDIMENTI AMMESSI

Latte di cocco o latte di mandorla, grasso d’anatra, burro chiarificato e quello di cocco.

 

FARINE AMMESSE

Sono ammesse soltanto le farine di castagne o di mandorle. E’ consentito l’uso del cioccolato fondente, mentre è ovviamente vietato quello al latte.

 

TISANE AMMESSE

Tè verde (meno processato rispetto a quello nero) centrifugati e frullati di frutta senza latte.

In conclusione, la piramide alimentare dei cibi permessi secondo la dieta Paleo, si divide in: carne, pesce, uova, frutta, verdura e grassi. Mentre odiernamente non è più possibile cacciare i pescare il propri pasti come avveniva nel periodo del Paleolitico, ragion per cui la maggior parte dei cibi reperibili è soggetta ad allevamenti intensivi, uso di antibiotici sugli animali e coltivazioni in serra, fuori stagione, pesticidi, ecc. Gli alimenti d’origine biologica rappresentano tuttavia un buon sostituto della produzione intensiva industriale, motivo in più per soffermarsi sulle etichette dei singoli prodotti.

Per ulteriori idee su questo regime alimentare vi consigliamo di visionare il menu della dieta paleo e cosa è possibile mangiare a colazione.